Old Stone (Lao Shi) di Johnny Ma: recensione

old stone film Cina

Recensione Old Stone (Lao Shi) di Johnny Ma.

Premiato al TIFF (Toronto International Film Festival) del 2016, Old Stone è un’opera prima di grande carattere, soprattutto per lo sguardo secco e lucido che il regista sceglie per guardare e, inevitabilmente, di rovescio, giudicare le storture della Cina di oggi.

La vicenda è tanto semplice quanto spaventosa è la realtà che pone sotto ai nostri occhi: un tassista, a causa di un cliente ubriaco, sterza in modo maldestro e investe un motociclista. Quest’ultimo, gravemente ferito, non può attendere l’arrivo in loco della polizia o dell’ambulanza e il tassista decide, contro quanto dice la legge e quanto gli suggeriscono di fare i passanti, di portarlo in ospedale. Un gesto di buon cuore, e di buon senso, o forse più semplicemente di scontata umanità, che la legge cinese però non gli perdona.

Che cosa siamo diventati? Siamo ancora umani o non ci importa più nulla del prossimo? La legge del cuore e la legge della società, talvolta capita, cozzano. Tra chi fugge l’evidenza e chi viola le regole in quanto uomo dotato di anima e cuore, in Old Stone va in scena una situazione così assurda da mettere i brividi. Il protagonista del film risponde al suo cuore, anche se questo significa accollarsi la colpa di un misfatto che non lo vede colpevole oltre a pagare le spese dell’uomo ferito poiché l’assicurazione, per un cavillo, non può farlo.

Recensioni film cinesi

Old Stone vive dei suoi personaggi, anzi del suo protagonista (Lao Shi, che dà il titolo all’opera originale). Il cinema cinese ha da sempre una matrice sociale e Old Stone vi s’inserisce senza esitazione. Ricordando un po’ i film di denuncia sociale di Ken Loach o dei fratelli Dardenne, il film d’esordio di Johnny Ma affianca una buona padronanza della narrazione ad un pregevole talento visivo, come dimostrano la sequenza iniziale e quella finale nel virare nel colore rosso e nell’accostamento dei tumulti spirituali del protagonista con un forte vento che scuote gli alberi di una foresta.
Nel ginepraio di valori e disvalori della Cina contemporanea, che suona un po’ come parte per quel tutto che è la società mondiale sempre più allo sbando, Old Stone si erge come un risentito atto d’accusa ma anche come una folgorante e grezza radiografia di quello che (poveri noi!) siamo diventati.

Old Stone (Lao Shi) di Johnny Ma: recensione ultima modifica: 2019-09-30T15:33:30+02:00 da Tommaso Tronconi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.