Oscar Miglior Film Straniero 2017: i candidati di Cina, Corea, Giappone.

premi oscar miglior film straniero

Il 13 gennaio 2017 sarà resa nota la cinquina internazionale definitiva dei film che si sfideranno per aggiudicarsi l’Oscar Miglior Film Straniero 2017. Sono ben 85 i Paesi che se la giocheranno e ovviamente non mancano quelli chiamati a rappresentare il cinema orientale. Scopriamo quindi chi sono i candidati all’Oscar Miglior Film Straniero 2017 di Cina, Corea del Sud, Giappone, Taiwan, Hong Kong, Filippine.

Cina: Xuan Zang di Huo Jianqi
Prodotto da Wong Kar-wai, in bilico tra i generi avventura e storico, il film si basa sulla biografia di Xuan Zang, descrivendo le esperienze leggendarie dell’uomo che ha viaggiato nell’antica India e ha riportato le scritture buddiste originali della dinastia Tang in Cina.

Corea del Sud: The Age of Shadows di Kim Jee-woon
Mischiando alla perfezione la spy-story col film storico, Kim Jee-woon ci racconta gli  anni Venti del Novecento coreano, anni in cui si consuma la Resistenza della Corea del Sud che chiede l’indipendenza e la liberazione nazionale dal conquistatore di sempre: il Giappone.

Hong Kong: Port of Call di Philip Yung
Un po’ poliziesco e un po’ thriller, un’opera inquietante ispirata ad uno sconvolgente delitto avvenuto a Hong Kong. Protagonista è ragazza di provincia che, a soli sedici anni, lascia la scuola per guadagnare qualche soldo come modella e in un McDonald’s, per poi finire in un giro di incontri a pagamento in cui i clienti vengono adescati in rete. 

Giappone: Nagasaki Memories of My Son di Yoji Yamada
Diretto dall’ottantaquattrenne Yoji Yamada, il film è ambientato nel 1948, nel Giappone post-bellico e post-atomico. Il giovane Koji, morto tre anni prima durante il bombardamento americano a Nagasaki, appare all’anziana madre Nobuko curioso di conoscere dalla donna come va la vita, gli episodi del passato, i suoi affetti e gli sviluppi della guerra.

Taiwan: Hang in There, Kids! di Laha Mebow
In una tribù indigena isolata, tre bambini crescono tra i boschi e le montagne. Sono tutti molto ottimisti, vivaci e spensierati; eppure sono anche turbati dai problemi delle rispettive famiglie. La loro insegnante, confinata su una sedia a rotelle, ha avviato il doposcuola per aiutarli con i compiti. Presentato in Italia al Giffoni Film Festival.

Filippine: Ma’ Rosa di Brillante Mendoza
Vincitore del Prix d’interprétation féminine al Festival di Cannes 2016, per molti meritava la Palma d’Oro. Ma’Rosa ha quattro figli e un piccolo negozio di alimentari in un quartiere povero di Manila, dove sottobanco vende anche narcotici. Un giorno viene arrestata. Di fronte a dei poliziotti corrotti, i figli di Rosa sono disposti a tutto pur di ricomprare la libertà della madre.

Oscar Miglior Film Straniero 2017: i candidati di Cina, Corea, Giappone. ultima modifica: 2016-11-20T19:33:59+01:00 da Tommaso Tronconi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit exceeded. Please complete the captcha once again.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.